domenica 10 giugno 2018

Teorie del complotto: verità o fiction?

Cari (A)sociali),

con il post di ieri abbiamo festeggiato con voi il traguardo del primo mese di Vita (A)sociale e oggi inauguriamo un nuovo argomento dal titolo: Salotto (A)sociale. 
Di cosa si tratta? Semplicemente di una sezione di notizie succose e interessanti non per forza correlate con il mondo del cinema et similia, ma degne di approfondimento e meritevoli di discussione. 
Avrà successo? Questo, come sempre, dipenderà da voi. E quindi bando alle ciance (o ciancio alle bande) ed eccoci subito ad affrontare un tema scottante e sempre attuale come quello dei complotti.
Un tempo i complottisti li immaginavamo nascosti al buio nelle loro stanze, rannicchiati in un angolo in attesa di impazzire, perché il mondo là fuori è cattivo, menzognero e vuole fregarci a tutti i costi.
Oggi le cose sono notevolmente cambiate e i social network pullulano di post, blog, siti e video di questo complotto piuttosto che quest'altro, di truffe ai danni della gente, di inganni mondiali e di agenzie sinistre che tappano la bocca a determinate celebrità scomode, sostituendole con delle repliche perfette.
L'elenco dei complotti sarebbe sterminato, ma io ne ho selezionati 5 per voi, i più eclatanti, che riusciranno a penetrare tra le cellule cerebrali anche del più irremovibile miscredente e che scuoteranno le solide fondamenta di ciò che fino a qualche tempo prima erano considerate verità assolute.
Siete pronti? Mettetevi comodi, sta per cominciare il nostro viaggio verso il mondo dei complotti!

1. La truffa della NASA




Lo spazio profondo affascina tutti, ammettiamolo. Chi di noi non ha mai sognato, almeno una volta, di esplorarlo? Chi non ha mai desiderato varcare il confine del Pianeta Terra per sentirsi infinitamente piccolo rispetto all'Universo e al tempo stesso un gigante nei confronti di quei poveri umani che a malapena, nell'arco della loro intera vita, varcano la soglia di casa propria?
Gli astronauti sono considerati degli eroi planetari; rischiano la vita partecipando a missioni che li portano ad affrontare sfide immense e tutto questo per il bene della scienza e del genere umano.
Attorno alla NASA, nata il 29 luglio 1958, girano miliardi di dollari, tutti soldi stanziati per la ricerca, lo sviluppo di nuove tecnologie e per le missioni spaziali.
C'è, però, chi ritiene questa agenzia governativa una immensa "balla spaziale", messa in piedi con il solo scopo di gettare fumo negli occhi al popolo mondiale, nascondendo la verità con i suoi giochini pirotecnici e i suoi giocattoloni costosissimi.
Alcune foto dei Rover su Marte sembrano infatti essere state scattate sulla Terra, lo sbarco sulla luna è stato additato come una montatura cinematografica (ma a questo ci arriveremo tra breve) e gli stessi astronauti in diretta dalla stazione spaziale internazionale si sono spesso contraddetti in diverse occasioni, oltre a comportarsi (non sempre, per carità) come se non si trovassero a milioni di chilometri dalla Terra, citando avvenimenti di cuoi non dovrebbero essere a conoscenza o lasciandosi sfuggire dettagli che, a un primo ascolto, farebbero proprio credere di non trovarsi poi così lontani da noi. 
Per darvi un'idea sommaria di cosa io stia parlando, vi rimando a questo link di un video su Youtube in cui ci sono delle scene interessanti riguardanti proprio gli astronauti e le loro "acrobazie" a gravità zero. La verità, come sempre, è ciò che la vostra mente sceglie di credere.


2. Il falso sbarco sulla Luna




Questa teoria del complotto è un classico e ne avrete certamente sentito parlare anche voi. Siamo nel 1969, in piena guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Gli americani il 20 luglio di quell'anno, in diretta mondiale, misero piede sul suolo lunare, battendo "moralmente" gli avversari che negli anni '50 erano riusciti soltanto a mandare la povera cagnetta Laika nello spazio in un viaggio di sola andata.
Ma siamo sicuri che sia andata così? Le attuali tecnologie che permettono di esaminare video e fotografie di allora evidenziano incongruenze e "approssimazioni" che mal si concilierebbero con una missione così importante e delicata, come riflessi anomali su caschi degli astronauti, dichiarazioni radio interrotte bruscamente, una bandiera americana, quella piantata sulla superficie lunare, il cui vessillo sembra sventolare sotto l'azione di un vento che, nello spazio, non dovrebbe esistere.
Per fugare ogni dubbio è stato chiesto più volte alla Nasa di poter esaminare le diapositive originali di quel fatidico giorno, ma a quanto pare quella "sbadatona" li ha persi e si rifiuta categoricamente di collaborare in altro modo per chiarire i dubbi nati dalle ipotesi dei complottisti e poter così finalmente sbugiardare chi ancora si ostina ad affermare che l'uomo non solo non è andato sulla luna nel 1969, ma che nonostante tutta la tecnologia esistente non sarebbe in grado di farlo neanche adesso (per colpa delle fasce di Val Hallen del campo magnetico terrestre, altamente radioattive e estremamente mortali per l'essere umano.
Si vocifera anche (teoria mai confermata né smentita) che le riprese di questo fantomatico allunaggio siano state fatte dal regista Stanley Kubrick, in seguito a un accordo che gli avrebbe permesso di utilizzare delle lenti speciali (progettate dalla Zeiss per, udite udite, la Nasa) nel film Barry Lyndon.
La scelta sarebbe ricaduta su Kubrick dopo aver visto ciò che era stato in grado di fare con il film 2001: Odissea nello Spazio.
Kubrick non si espresse mai in merito alla vicenda, ma è davvero strano che nel film Shining il piccolo Danny Torrance giochi in uno dei corridoi dell'albergo indossando un maglione con sopra ricamato l'Apollo 11, la cui missione avrebbe portato, come già detto, l'uomo sulla luna.
Anche qui, se volete farvi un'idea, vi rimando a questo link. Sono certo che non potrete non trovarlo interessante.


3. Il falso Paul McCartney




Qui si va sul pesante (come se fino a ora ci fossimo andati piano). Non è la prima volta in cui si grida al complotto accusando una determinata celebrità di essere nient'altro che un sosia uguale in tutto e per tutto alla controparte originale, sparita dalla circolazione in seguito a eventi più o meno misteriosi.
Questa è la volta di Paul McCartney, il bassista dei Beatles, le cui voci vogliono che sia morto nel 1966 in seguito a un terribile incidente stradale e prontamente sostituito per non danneggiare l'immagine del gruppo britannico, che era una vera e propria macchina sforna-dollari.
Il gruppo ha sempre smentito, Paul compreso (e mi sembra il minimo), ma non si può negare che ci sia qualcosa che non quadra nell'intera vicenda. Dalla presunta morte di McCartney i Beatles hanno smesso di esibirsi dal vivo, hanno iniziato a sfoggiare uno stile hippie con barba e capelli lunghi e gli stessi lineamenti dell'uomo erano leggermente diversi. Anche la voce, a una attenta analisi, mostrava delle vistose differenze con quella "pre-incidente".
Nonostante il gruppo abbia sempre smentito tali dicerie, le copertine dei loro album lasciavano messaggi subliminali alquanto equivoci, con un Paul McCartney che si differenziava dal resto della band per un particolare ben preciso.
In Help, per esempio, è l'unico senza cappello, in Revolver è l'unico di profilo e nel retro di copertina di Wednesday morning at five o' clock è l'unico di spalle, sulle spalle della giubba ha tre bottoni neri (il lutto dei tre componenti della band) e George Harrison indica la parte della scritta che recita: "five o' clock", l'ora presunta in cui sarebbe morto Paul.
Ancora oggi il mistero è aperto e su Youtube i video si sprecano, ma ve ne segnalo uno in particolare, tratto da un episodio della trasmissione Voyager. Guardatelo, non ve ne pentirete.


4. L'attentato dell'11 settembre 2003




Siamo in dirittura di arrivo. Una ferita ancora aperta nel cuore dell'America, l'attentato dell'11 settembre è stato il drammatico segno di come un Paese così immenso possa essere messo in ginocchio tanto facilmente.
Ne sono state dette, tante, i morti sono stati innumerevoli, le immagini così crude e vere sono difficili da dimenticare. Nonostante tutto i complottisti credono che dietro a tutto questo, invece che Osama Bin Laden (ennesimo fantoccio usato come capro espiatorio) ci sia ben altro.
Si sostiene, infatti, che la dimensione dei Boeing 757 e 767 non avrebbero mai e poi mai causare una tale entità di danni da causare il crollo delle torri, neanche mettendo di mezzo le alte temperature createsi in seguito alla combustione del carburante dei due velivoli: in altre situazioni, infatti, altre costruzioni minori erano state per giorni in preda alle fiamme senza accusare il minimo cedimento, figurarsi dei palazzi progettati per resistere a sollecitazioni di ben più grave entità.
Alcuni video, poi, mostrerebbero degli sbuffi di fumo alla base delle due torri poco prima del loro crollo: si pensa che siano esplosioni controllate delle fondamenta, così da creare un crollo controllato delle stesse. Come si potrebbe spiegare, altrimenti, un palazzo di oltre cento piani che cede dopo pochissimi minuti allo schianto di un aereo, tra l'altro avvenuto verso la cima?
E non aiuta di certo a smascherare il complotto il mancato ritrovamento dei resti degli aerei incriminati, mentre in tutto quel macello venne ritrovato il passaporto immacolato di uno dei dirottatori.
Su questo argomento se ne potrebbe parlare per ore, ma preferisco rimandarvi a questo interessantissimo documentario di Massimo Mazzucco intitolato Inganno Globale. 
Allora? Siete ancora sicuri della vostra verità?


5. Terra Piatta




Lo so, ho riservato il boccone più succulento per la fine. Terra Piatta, cari (A)sociali. Ne avete mai sentito parlare? Di sicuro ne avete sentito parlare a scuola, studiando che nell'antichità si credeva che la Terra fosse piatta e che gli oceani "cascassero" oltre di essa, nel nulla più assoluto. Oggi siamo tutti cresciuti e sappiammo benissimo che non è così, ma la Flat Earh Society non la pensa allo stesso modo.
Questo gruppo (che è molto più numeroso di quello che potreste credere e che include anche delle celebrità) sostiene che la Terra sia realmente piatta e che la forma sferica annessa alla teoria eliocentrica siano una totale invenzione che mira a nascondere al genere umano la verità che per secoli ci tengono nascosto e che in realtà gli antichi (Egizi in primis) sapevano ben prima che fossero inventati gli strumenti tecnologici per confutarla.
Così, i terrapiattisti si chiedono come mai l'orizzonte, da qualunque posizione si veda, non curva mai anche se dovrebbe, come mai le rotte degli aerei non tengono conto del moto di rotazione del pianeta e della sua curvatura, così come non si tiene conto di tali dinamiche nella costruzione di ferrovie lunghe chilometri, e cosa dire del fatto che la scienza sa dire con esattezza di cosa siano fatti gli strati interni della Terra, nucleo incluso, quando l'uomo è riuscito a scavarne la superficie per poco più di dieci chilometri?
E come si possono ignorare tutti i simboli di antiche civiltà e non, che rispecchiano fedelmente un modello di Terra piatta che potrebbe effettivamente funzionare stando al modello proposto dai complottisti moderni?
Ma i terrapiattisti non si fermano qui. Ecco quindi che il Polo Sud diventa una cinta di ghiacci che contiene gli oceani, che tutte le immagini della Terra dallo spazio sono renderizzate, che sole e luna sono parecchio più piccoli di quanto vorrebbero farci credere e che non si trovano a migliaia o milioni di chilometri da noi, ma a una distanza nettamente inferiore, all'interno di una cupola che racchiude il firmamento.
Per quest'ultimo complotto vi rimando a ben due link (prima parte e seconda parte) riguardanti un documentario che spiega le sue ragioni del perché la Terra sia piatta e non sferica. 
Anche in questo caso, come nei precedenti, starà a voi continuare a credere alla vostra verità o seguirne una nuova.




2 commenti:

  1. Io credo che ci sia un fondo di verità, ma che non scopriremo mai fino in fondo come stanno le cose. Sulla luna ho i miei dubbi anch'io, ma sulla terra piatta... Comunque appena potrò voglio vedermi i video e farmi un'idea più precisa.

    RispondiElimina
  2. Vita(A)sociale11 giugno 2018 19:09

    Attendiamo un tuo parere dopo aver visionato i video allora ;-)

    RispondiElimina

Caro (A)sociale, non inserire link cliccabili se non vuoi che il tuo commento venga eliminato. Evita insulti, parolacce e, in generale, espressione fuori contesto. Siamo dalla stessa parte, no?
Clicca su "Segui" se non vuoi perderti nemmeno un post e... grazie della visita!